Dieta Mayo

La Dieta Mayo è un regime alimentare chetogenico messo a punto intorno agli anni ’80

E’ una dieta molto rigida e restrittiva perché permette il consumo solo di un numero molto limitato di alimenti ed un apporto energetico di massimo di 1.000 calorie al giorno, e per questo può essere seguita per un periodo massimo di 2 settimane.
In quindici giorni di dieta ferrea ci sono 2 giorni liberi di riposo.

La Dieta Mayo non prevede il controllo delle porzioni di cibo: in teoria si può mangiare sino a sazietà, ma la fortissima restrizione della varietà dei cibi che è consentito mangiare fa sì che non si riescano comunque ad ingerire più di 1.000 calorie al giorno.

La Dieta Mayo prevede 3 pasti al giorno: colazione, pranzo e cena. La scelta degli alimenti deve rispettare le seguenti indicazioni:

abolire latte e i suoi derivati – tranne che in un solo giorno nelle due settimane nel quale è concesso uno yogurt;
abolire carboidrati e cereali, ad eccezione di una fetta di pane al giorno;
abolire tutti i tipi di dolci e di zuccheri;
abolire tutta la frutta, tranne il pompelmo;
abolire i legumi;
abolire le patate;
le uniche verdure che si possono consumare sono pomodori, il sedano, i cetrioli, gli spinaci e l’insalata, tutte le altre vanno abolite;
consumare uova tutti i giorni, dalle 6 alle 36 uova settimanali;
consumare in alternativa alle uova carne e pesce magri, cotti esclusivamente al vapore o alla griglia;
consumare liberamente tè e caffè.

La frequenza dei pasti deve essere gestita nel modo seguente:

11 pasti a base di uova
10 pasti a base di carne
3 pasti a base di pesce
2 pasti a base di frutta
1 solo pasto a base di yogurt.

Ecco quale potrebbe essere lo schema alimentare della giornata

COLAZIONE: mezzo pompelmo, 2 uova sode, 1 fetta di pane, caffè e/o tè senza zucchero
PRANZO: 2 uova sode o bollite oppure 100 grammi di carne magra ai ferri oppure 150 gr di pesce bollito, pomodori (o sedano o cetrioli o spinaci o insalata, uniche verdure concesse) a volontà, mezzo pompelmo, caffè o the senza zucchero.
CENA: 2 uova sode o bollite, pomodori (o sedano o cetrioli o spinaci o insalata, uniche verdure concesse) a volontà.

Pregi e difetti della Dieta Mayo

Si tratta di una dieta che mira ad un dimagrimento velocissimo: in due settimane si possono perdere infatti fino a 7 Kg. Essendo una dieta chetogenica sposta il metabolismo a favore dello smaltimento dei grassi. Secondo i principi della Dieta Mayo, il pompelmo è l’unico frutto consentito, perché aiuterebbe ulteriormente a bruciare i grassi. L’utilizzo esagerato di uova invece è giustificato dal fatto che esse sono ricche di proteine e povere di calorie.

D’altra parte però, sappiamo che il tuorlo d’uovo però è anche ricco di colesterolo per cui in dose tanto massiccia si ha il rischio di innalzare oltre i limiti i livelli di colesterolo nel sangue. Anche la carne è ricca di grassi animali saturi, che contribuiscono ad alzare i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue. Nonostante poi la Dieta Mayo sia una dieta iperproteica, si è visto che essendo un regime dietetico molto restrittivo e privo di altri nutrienti importanti, le proteine non bastano a coprire il fabbisogno, portando a perdita di massa magra. Si sono riscontrate talvolta carenze vitaminiche e di sali minerali.
Si rischia quindi la perdita di massa muscolare e se erroneamente prolungata anche di massa ossea, con conseguente rischio osteoporosi. Inoltre non essendo previsto un regime di mantenimento c’è il rischio di riprendere i Kg persi quando si inizia a mangiare normalmente. Si consiglia infatti dopo una dieta restrittiva di seguire una dieta bilanciata, come ad esempio la Dieta Mediterranea o la Dieta Ipocalorica Bilanciata per evitare di riprendere subito peso e andare incontro al classico “effetto Yo-Yo”.

Sulla base di questo, se si sceglie di seguire la Dieta Mayo per un dimagrimento rapido si raccomanda di non prolungarla per più di 14 giorni e bere sempre molta acqua, almeno 1,5-2 litri al giorno.

Bisogna inoltre ricordare che la Dieta Mayo non ha nulla a che vedere con la Mayo Clinic di New York, che è un centro dedicato alla scienza dell’alimentazione e alla ricerca alimentare. Ogni anno la clinica americana è costretta a disconoscere la Dieta Mayo, perché erroneamente associata o confusa con una dieta messa invece a punto dalla Clinica Mayo basata su principi dietetici estremamente lontani dalla Dieta Mayo.

Per noi è molto importante ricordarti che:

Ogni notizia o consiglio su diete o regimi alimentari contenuti nel sito www.dietaonline.it devono intendersi al solo scopo informativo. Tali informazioni non devono mai sostituire la consulenza personalizzata di un medico dietologo o nutrizionista. Pertanto, ogni decisione presa sulla base di queste indicazioni dev’essere intesa come personale e secondo propria responsabilità. Un programma alimentare indicativo infatti, non può in ogni caso sostituirsi alle scelte del Medico, che rimane sempre il decisore ed il responsabile finale.

admin

Related posts

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Simple Share Buttons