La dieta per chi pranza fuori casa


1
2
3
  1. Scegliere gli alimenti giusti

la-dieta-per-chi-mangia-fuori-casa-a-pranzo

Va bene un panino ogni tanto, ma preparalo con del pane integrale con dentro qualche foglia di radicchio o lattuga e dell’affettato magro. Meglio un secondo piatto rispetto a un primo, la pasta cotta la mattina non mantiene le proprietà qualitative, nutrizionali ed organoelettriche se consumata dopo 4-5 ore. La pasta scotta ha un indice glicemico più alto di quella al dente, è molto meno digeribile e provoca sonnolenza dopo il pasto, che non è l’ideale se ci si deve rimettere subito al lavoro. Se possibile consumare sempre un contorno di verdure cotte o insalata mista.

Altre regole per una corretta alimentazione

Le stesse regole valgono se si va al ristorante o in una tavola calda: il primo piatto è generalmente molto condito e di conseguenza più grasso di una fettina di carne alla piastra o una verdura lessata da condire sul momento. Vanno bene anche le opzioni insalatona (con insalata mista e tonno, o mozzarelline, o pollo, ecc.) oppure piatto di bresaola, rucola e grana.

Vale sempre la regola di bere molta acqua, almeno un litro e mezzo al giorno, anche perché gli affettati, anche i più magri, sono molto salati e l’acqua aiuta a contrastare l’eccesso di sale. Prevedere se possibile sempre due spuntini con della frutta fresca, a metà mattina e metà pomeriggio: la frutta è ricca di acqua e fibre, ed è meglio in generale fare piccoli pasti più frequenti piuttosto che uno unico troppo abbondante.


1
2
3
Claudia Troiani

Sono Claudia Troiani e svolgo con passione la professione di nutrizionista ormai da diversi anni. Laureata in biologia della nutrizione, sono convinta che un'alimentazione naturale e bilanciata, basata sui principi della dieta mediterranea, insieme ad una sana attività fisica siano le basi per vivere meglio e in salute. Mi piace il mare, la buona cucina, viaggiare e conoscere le diverse culture (ovviamente anche le loro tradizioni culinarie e i piatti tipici!). Seguimi sulla mia pagina Facebook: Nutrizione & Alimentazione Equilibrata - Dott.ssa C. Troiani

1 Comment

  1. Avatar
    Kikka Giugno 17, 2018

    Portarsi qualcosa da casa è sempre la scelta migliore… ormai con i prodotti che ci sono in commercio per la conservazione e il trasporto degli alimenti (tipo i prodotti tupperware https://www.portavolantino.it/tupperware/catalogo-primavera-estate-2018-da-domenica-01-04-2018/?page=22) si può preparare tutto a casa e portrselo al lavoro con comodità, senza dovre per forza mangiare panini tutti i giorni e senza spendere troppo in pranzi fuori. Occorre un po’ di pazienza e voglia

    Reply

Leave reply

<