Succhi detox: come depurarsi in 2 giorni

Da qualche anno una nuova moda sta spopolando tra le donne che conducono uno stile di vita sano e che sono sempre attentissime a quello che mangiano.

Succhi DETOX: cosa sono?

Si tratta dei celebri succhi detox, numerosi brand sono ormai entrati in questo business nascente, la maggior parte spedisce direttamente a casa questi succhi disintossicanti che di solito devono essere bevuti seguendo un certo ordine e per un certo periodo di tempo e vanno scelti in base soprattutto alle proprie esigenze.

Ma vediamo nello specifico di cosa si tratta: sono beveroni crudi ottenuti da un mix di frutta e verdura che sostituiscono i pasti e con cui si ottiene un effetto disintossicante, insomma aiutano a pulire l’intestino e sgonfiare la pancia, in una parola a purificarsi.

La maggior parte di questi prevede la spremitura a freddo in modo da non perdere vitamine, sali minerali, enzimi e fitonutrienti, che quindi restano intatti.

Si può partire con un programma di 2 giorni ed arrivare fino a 5, i risultati saranno migliori di sicuro ma sarà anche più faticoso cercare di bere solo i succhi senza ingurgitare altro per tutta la giornata, banditi quindi i cibi solidi.

Ma quali sono i vantaggi di una dieta del genere?

A patto di essere in buona salute, di sicuro questa “dieta detox” a base di succo, ci aiuta a drenare e a disintossicarci perché non contengono carboidrati (che di solito sono quelli che trattengono i liquidi) e sono privi di fibre che fermentano nell’addome, ecco perché la pancia risulterà più sgonfia in pochi giorni.

Ma questi succhi aiutano anche a migliorare l’aspetto della pelle perché seguire questo regime alimentare apporta non solo tantissimi sali minerali ma anche tante vitamine. Sono un’incredibile fonte di energia, aiutano inoltre la flora intestinale a produrre probiotici che sono proprio i responsabili del miglioramento della pelle che, nel tempo, avrà un aspetto migliore, risultando più luminosa e compatta. Tuttavia i primi giorni si potrebbe anche assistere alla fuoriuscita di piccoli brufoli, significherà che il detox sta funzionando e le tossine fuoriescono!

Inoltre fare questa speciale dieta per alcuni giorni permette di sentirsi più leggere, più pulite, quindi è ottima da integrare ad una dieta ipocalorica magari ogni 2 settimane per 2 giorni ma anche quando nei giorni precedenti si è ecceduto con i carboidrati e si ha quella fastidiosa sensazione di gonfiore e infine dopo l’estate o gli stravizi dell’inverno, quando ci si vuole depurare dalle scorie accumulate.

Ovviamente non si tratta di una cosa che tutti possono fare.

Quando si è in sovrappeso severo i succhi non servirebbero a niente, meglio iniziare con una dieta ipocalorica più bilanciata (link). Devono stare attenti anche quelli che soffrono di diabete e iperglicemia, il digiuno e l’assunzione di fruttusio peggiorano notevolmente il problema. La regola generale è di non seguire questo regime per un periodo troppo lungo, questi succhi sono infatti poveri di proteine e quindi a lungo andare l’organismo inizierà a bruciare massa magra a scapito di fibra e tono muscolare.

Quindi sì ai succhi detox ma con attenzione

Sì ai succhi detox ma tenendo sempre a mente tutte le controindicazioni.

I succhi possono essere non solo acquistati ma, se si vuole risparmiare, anche fatti in casa, preferendo al mattino qualcosa di drenante come ananas e papaya con l’aggiunta di agrumi, fragole e mirtilli che attenuano il senso di fame e a seguire, durante la giornata, potranno essere integrate anche le verdure come spinaci, cavolfiori e finocchi, a cui si possono aggiungere pepe e zenzero, il primo per stimolare il metabolismo e il secondo per il suo potere antinfiammatorio.

Provare per credere! 😉

Francesca Quagliata

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

<

Simple Share Buttons