4 Supereroi per migliorare la nostra salute

Nella lotta per la salute, come in tutte le lotte, ci sono i buoni e ci sono i cattivi e soprattutto ci sono loro…

…i Supereroi, il cui contenuto nutrizionale ce li fa considerare in una classe a parte.

Ad esempio, ci sono i “Superfrutti” che possiedono poteri straordinari che possono fornire grandi vantaggi contro il nostro nemico comune: la malattia.

  1. ACAI (pronunciato ah-sospiro-ee)

Sembra essere “anti” tutto ciò che è male. Questa bacca di colore vola scuro contiene due volte il potere antiossidante di mirtilli. È utile per l’anti-invecchiamento, come anti-infiammatorio, anti-cancerogeno. L’acai possono inoltre ridurre il colesterolo e proteggere contro le malattie neurodegenerative legate all’avanzamento dell’età, come il Parkinson e l’Alzheimer.

Le sue calorie provengono principalmente da grassi sani, tra cui acidi antiinfiammatori omega-9. Ricco di vitamine e sali minerali, l’acai contiene anche aminoacidi e steroli vegetali che supportano la salute del cuore e aiutano la digestione.

Come trovarlo: trattandosi di un frutto proveniente dal Brasile, questo viene venduto in Italia soprattutto sotto forma di succo o in polvere. Inoltre è possibile acquistarlo super concentrato in piccole bottigliette, come frullato e come polpa congelata.

 

  1. GOJI

Questo “superfrutto” può sembrare una novità per coloro che vivono in Occidente, ma gode di una lunga storia come pianta medicinale curativa in Asia e in oriente in generale.

Ricche di sostanze nutritive e antiossidanti, le bacche di Goji vengono usate nella medicina tradizionale cinese per aumentare l’immunità, aumentare la circolazione e curare la pressione alta.

Recenti studi indicano anche che queste piccole bacche possano aiutare a inibire la diffusione delle cellule leucemiche e del cancro al fegato, proteggere la pelle dai danni del sole e aiutae nella lotta contro il diabete.

Le bacche di Goji possono aiutare anche a sentire un maggiore senso di benessere. Un recente studio ha dimostrato che coloro che avevano bevuto per 14 giorni succo di goji avevano sperimentato una sensazione di maggiore energia, un sonno migliore, un maggiore grado di attenzione e tranquillità rispetto a quelli che avevano preso un placebo.

Come trovarlo: queste bacche rosa sono comunemente essiccate e consumate crude come snack, messe nell’insalata, o mescolate nei cereali, negli yogurt o nei frullati. Sono disponibili anche come succo.

Possono essere cucinate per fare del tè o come tisane. Hanno il sapore di ciliegie incrociato a quello dei mirtilli rossi, con una punta di piccante.

 

  1. MELOGRANO

L’umanità intera è a conoscenza dei benefici di questo frutto da secoli. Questa fonte deliziosa e ricca di antiossidanti, può ridurre la pressione sanguigna, il colesterolo, ridurre l’indurimento delle arterie, proteggere la prostata, il polmone, tumori al colon, supporto contro osteoporosi e artrite.

Poiché il melograno è una fonte naturale di fitoestrogeni, le donne in menopausa che lo bevono possono sperimentare un certo numero inferiore di sudorazioni notturne.

L’acido grasso di omega-5 può anche inibire il cancro al seno.

Come se tutto ciò non bastasse, la scienza ha anche dimostrato che l’estratto di melograno protegge la pelle dai danni indotti dai raggi UVB. Il frutto contiene un composto chiamato acido ellagico che impedisce la distruzione del collagene e quindi la formazione delle righe che si formano con l’esposizione eccessiva al sole.

Come trovarlo: si trova comunemente al supermercato. Puoi mangiarlo come frutto o nelle insalate e in altre ricette, insieme ad alimenti come il pollo o il maiale.

Si può trovare anche sotto forma di succo, tè, tisana o come integratore.

 

  1. OLIVELLO SPINOSO

Ricca di vitamina C, polifenoli, flavonoidi e acidi grassi essenziali, questa piccola bacca arancione offre molti benefici per la salute.

Gli scienziati finlandesi hanno scoperto che il consumo regolare di bacche di olivello spinoso, riduca il livello della proteina causante infiammazione, diabete e malattie cardiache. La ricerca indica anche che l’estratto di queste bacche può fornire un’importante protezione contro le malattie del fegato.

L’olivello spinoso viene anche usato per acclimatare meglio le persone alle alte quote, garantendo che una sufficiente quantità di ossigeno raggiunga i tessuti del corpo.

Come tutti i supereroi, anche l’olivello spinoso ha bisogno di una spalla fedele; a quanto pare il mirtillo sarebbe la sua. Secondo i ricercatori, un succo a base di mirtillo e olivello spinoso avrebbe contribuito a curare i bambini con diabete di tipo 1.

Come trovarlo: si può trovare crudo, ma la sua acidità spesso risulta sgradevole. Risulta più piacevole e gustoso mescolato in succhi di frutta con frutti più dolci o preso come integratore.

Georgia Conte

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

<

Simple Share Buttons